I costi della moda

I costi della moda

Il prezzo delle scarpe e di ogni articolo di moda è determinato da mille variabili

La figlia di una mia carissima amica, che ha la mia età, cioè la figlia ha la mia età, va beh è una lunga storia. Insomma, lei, ci ha ordinato di leggere questo libro che nell’edizione italiana si intitola “siete pazzi a indossarlo”. Il titolo originale ci sembra più incisivo e appropriato, cioè l’altissimo costo della moda a basso costo.

Onestamente non ho ancora cominciato a leggerlo, però la prima pagina si apre con la descrizione di una fila di sandalini infradito a 7 euro ciascuno, composti da strato di gomma più strato di carta, colla a tenere insieme, fine amen chiuso.

Allora, ancora prima di leggere vorrei dire una cosa.

Qui da Valentina Calzature a Firenze abbiamo scarpe che vanno dai 49 euro (un sandalo basso basic) ai 300 euro (uno stivale in pelle). Da noi passa gente di tutti i tipi e da tutte le parti del mondo.

Abbiamo persone che di fronte allo stesso sandalino a 49 euro  si strappa i capelli per l’altissimo costo e altre che invece sgranano gli occhi e chiedono come mai costa così poco.sandali bionatura

Inoltre, ci viene chiesto circa duecento volte al giorno “è pelle”? “Is it leather”?

La nostra risposta è al 90% delle volte affermativa in quanto siamo specializzati in calzature in pelle, escluse naturalmente scarpe come le Skechers che sono perlopiù in tessuto e altre scarpe simili.

Queste due puntualizzazioni le ho fatte giusto per sottolineare come i valori sono tutti relativi e spesso le domande sono senza senso.

Dunque, cominciamo con i sandali a 49 euro.

Il prezzo è determinato da moltissimi fattori: la qualità del materiale, il design, l’investimento stilistico, la capillarità della distribuzione, il numero di pezzi prodotti, strategie di marketing, il tipo di manodopera impiegata (sia a livello di nazionalità che di specializzazione tecnica), dettaglio della lavorazione, provenienza del materiale, senza considerare la nostra parte: la gestione del negozio di scarpe Valentina, lo staff, le spese di manutenzione, ecc.

Oltre alle variabili su menzionate, anche la pelle risponde a molte variabili. Ci sono moltissimi tipi di pelle, tipologia di animale, provenienza, trattamento dell’animale, della pelle stessa, tipo di chimica coinvolta, tipo di manodopera, tipo di colorazione. Quindi il fatto che sia “pelle” non è di per sé indice di garanzia, né tantomeno di qualità.

Pensate a tutte queste variabili e poi pensate che nessuno vi regala niente. Se una cosa è “cheap”, un motivo c’è, un risparmio su queste variabili appena elencate ci deve essere per forza.

Quindi attenzione, quando chiedete qualcosa di economico, potete anche ottenere di pagare meno euro ma state dando via una parte del pianeta e state peggiorando le condizioni di vita di qualcuno.

Attenzione a ciò che chiedete, potreste ottenerlo. Ma a quale prezzo!